Djerba

Sono stato sempre affascinato dalle “navi del deserto”, e allora dove trovarne qualcuna se non al confine col Sahara? La Tunisia è un Paese che ci riporta indietro nel tempo con i suoi mosaici romani e con la sua arte islamica. È una terra dalle varie sfaccettature, un brillante grezzo dalle mille facce che non chiede altro di essere scoperto. A est, si possono trovare le rovine dell’antica Cartagine che tanto diede filo da torcere ai Romani che solo dopo tante vicissitudini riuscirono a piegare. Poco distante dalla costa meridionale che quasi si può toccare con un dito, nel Golfo di Gabès si trova l’isola di Djerba col suo clima mite subtropicale; molto frequentata dai francesi e apprezzata dagli italiani, nasconde inaspettate sorprese come la riserva dei coccodrilli del Nilo dove si possono ammirare questi splendidi rettili che possono arrivare anche alla lunghezza di cinque metri e pesare oltre i settecento chili. Ceramiche, tappeti e prodotti artigianali caratterizzano il suo forte carattere coronato da posti incantevoli come la Laguna Blu, tratto incantevole di mare chiuso incastonato da spiagge bianche. L’isola non è molto ricca d’acqua e questo nel corso dei secoli ha spinto l’ingegno umano ad armarsi di una marcia in più; i campi sovente sono attraversati da tubi per l’irrigazione e non è difficile imbattersi in qualche pozzo con la sacca per l’acqua formata in pelle d’animale trainata fino all’imboccatura con fune e dromedario. Questa terra di serpenti e di scorpioni, lascia a colui che vi si reca il classico sapore d’Africa!

Foto Tunisia

Questi scatti di qualche anno fa nonostante siano impolverati e poco nitidi, rendono bene l’idea di Djerba, isola al largo della Tunisia.

65

Foto